Boy don’t cry

Ieri sera ho visto un film veramente bello, ispirato ad una storia vera: “boy don’t cry”, mi ha fatto pensare molto… mi ha fatto riflettere sul fatto che viviamo in un mondo di merda e mi sono chiesto: come può Dio aver creato persone tanto cattive da poter commettere simili crimini… Non voglio ora dirvi il finale del film in quanto è un film che consiglio vivamente di vedere a tutti per aprire gli occhi su quello che ci circonda…voglio comunque dire che non è stato un film di quelli che mi ha commosso, per cui ho pianto ecc… però è stato veramente terribile vedere una cosa del genere e sapere che è successa veramente..

Sono arrivato ad una conclusione: viviamo in una gabbia, in un mondo che almeno io non sento come il mio.. non dico che dovrebbero essere tutti felici e contenti; anche perché senza l’infelicità , senza le piccole problematiche e delusioni di ogni giorno non si svilupperebbero in noi i veri sentimenti… però a tutto c’è un limite… e allora cosa dovremmo fare? Vivere alla giornata credo io , vivere non sapendo cosa ci sarà e soprattutto se ci sarà un domani… vivere senza mai rimandare nulla di veramente importante perché non si sa cosa ti riserverà il destino nel tuo futuro.

Non so perché ma c’è un elemento importantissimo in me che nonostante ciò non si spegnerà mai: poco tempo fa, inoltre, mio zio mi ha inviato una presentazione molto bella che rispecchiava proprio quello che avevo intenzione di dire ora. Praticamente in questa presentazione di power point che mi ha inviato si diceva che tutto: l’amore, l’amicizia ecc.., potevano essere spenti ma ci sarebbe sempre stata la SPERANZA che avrebbe riacceso qualsiasi cosa…eh si!! La speranza!! nonostante tutto la speranza in me non credo che morirà mai…Ho fiducia perché voglio un futuro migliore del mio presente!! Credo anche di meritarlo…

 

Credo di riuscirci (almeno spero) ad allegarvi a questo intervento quella presentazione!

Le_quattro_candele[1].ppt

 

Boy don’t cryultima modifica: 2008-06-19T16:25:00+02:00da andrea_stop
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento